toxoplasmosi

Toxoplasmosi, cos’è e come difendersi

Tra gli esami più  temuti che si svolgono in gravidanza c’è il famoso “Toxo Test”.
La toxoplasmosi è un’infezione causata da un microrganismo chiamato Toxoplasma Gondii. Nella grande maggioranza dei casi non ci si accorge nemmeno di averla avuta, perché dà sintomi lievi e generici, come stanchezza, mal di testa o di gola, sensazione di “ossa rotte”. Una volta contratta, lascia un’immunità permanente, cioè non si rischia più di ammalarsi.  Non è un’infezione pericolosa di per sé quindi, ma se la mamma contrae l’infezione durante i mesi di gravidanza, c’è un rischio elevato per il feto. Non è detto però che in seguito alla positività materna  anche il feto si infetti. Se però questo avviene, i danni possono essere tanto maggiori quanto più precocemente avviene il contagio.
Questo parassita svolge il suo ciclo di vita nel gatto.
Il gatto si infetta ingerendo carne contenente cisti del parassita oppure oocisti sporulate. Gli sporozoiti(gli elementi infettanti), grazie all’azione dei succhi digestivi, fuoriescono dall’oociste e possono infettare le cellule epiteliali dell’intestino tenue dove si riproducono e formano oocisti. Le oocisti vengono espulse con le feci e in condizioni ottimali (al riparo dalla luce solare diretta) impiegano 2 giorni a maturare, formando 2 sporocisti contenenti ognuna 4 sporozoiti, gli elementi infettanti. Se un mammifero ingerisce alimenti contaminati dalle sporocisti, come ad esempio un maiale, verrà a sua volta infettato e il consumo delle sue carni potrà infettare un essere umano. Stesso discorso per la verdura che potrebbe essere esternamente sporca di terra venuta a contatto con sporocisti.
Ma Come difendersi?
Se si vuole mangiare verdura cruda, o frutta è importante lavarla abbondantemente e con cura, per asportare residui di terriccio. Utile aggiungere nell’acqua di lavaggio un po’ di bicarbonato o di soluzioni disinfettanti apposite, che aiutano a rimuovere lo sporco. Meglio fare un risciacquo ‘domestico’ anche se si acquista al super l’insalata già lavata e confezionata. Nessun divieto invece per la verdura cotta, dal momento che la cottura è in grado di distruggere il protozoo.
La carne deve essere consumata sempre cotta. Sì a cotolette e roast beef, ma solo se la carne è ben cotta anche all’interno. Vietate le bistecche al sangue o il carpaccio. Vietato anche assaggiare carne cruda o semicruda mentre la si prepara per il pasto.
Come salumi, sono consentiti quelli cotti, come la mortadella e il prosciutto cotto. No invece a prosciutto crudo, salame, bresaola, wurstel e speck, a meno che non li consumiamo cotti nelle pietanze . Dopo aver maneggiato carne o verdure crude, è sempre buona regola lavare bene le mani con acqua e sapone.
Nessuno rischio toxoplasmosi se si consuma pesce crudo, come il sushi. Però in gravidanza è consigliabile evitarlo perché può contenere altri germi, come la salmonella.
Il giardinaggio non è vietato, ma occorre mettersi i guanti e lavare bene le mani al termine dei lavori, per evitare il contatto con un terreno che potrebbe essere stato contaminato da  feci di animali infetti.
I gatti domestici non devono essere allontanati; innanzitutto perché è è davvero difficile che un gatto domestico (sempre vissuto in casa e non precedentemente randagio) possa contrarre la toxoplasmosi e trasmetterla all’uomo. A meno che, naturalmente, non vada in giardino ed entri in contatto con terreno contaminato. Il problema, comunque, è limitato alle feci e dunque alla lettiera: per una precauzione in più, è consigliabile farla pulire ad altri membri della famiglia oppure indossare i guanti e lavare le mani con sapone ed acqua corrente al termine delle operazioni di pulizia. Va specificato tuttavia che le cisti del parassita si schiudono circa 2-3 giorni dopo la deposizione delle feci, a una temperatura ambientale di 24°C e ad alta umidità. Dunque,  il rischio di contaminazione viene notevolmente ridotto se la lettiera viene pulita ogni giorno.

Fonti: pagina web di Epicentro (Istituto superiore di sanità).

Vuoi contattare l’autrice dell’articolo?

Ecco come fare basta un click sul banner!

Dott.ssa Giulia Fenni

 

 

 

Commenti


Ostetrica a Domicilio