come-costruire-il-piano-didattico-personalizzato

Che cosa è il Piano Didattico Personalizzato (PDP), quando e come deve essere applicato

Super Kids Store

 

Negli articoli precedenti abbiamo parlato dei disturbi specifici dell’apprendimento (D.S.A.) ma in che modo un ragazzo con questa caratteristica può essere tutelato. I ragazzi con D.S.A. devono essere messi in condizione  di raggiungere gli obiettivi della classe, attraverso la propria specifica modalità di apprendimento, quindi attraverso l’utilizzo di strumenti compensativi e misure dispensative.

 

Il piano didattico personalizzato PDP, è un documento previsto secondo il DM 5669 del 2001,attraverso il quale la scuola prende atto delle difficoltà specifiche dell’alunno e si impegna a mettere in atto personali misure dispensative e a dare la possibilità allo studente di utilizzare gli strumenti compensativi più consoni.

Per strumenti compensativi definiamo tutti quegli strumenti didattici e tecnologici che consentono di svolgere uno specifico compito compensando l’abilità che risulta più difficile.

Gli strumenti compensativi più usati sono:  la sintesi vocale che permette di ascoltare un brano invece di leggerlo, il registratore che permette di riascoltare la lezione registrata, i programmi con correttore ortografico, che permettono la produzione di testi , la calcolatrice, tabelle, formulari, mappe concettuali, ecc.
Le misure dispensative sono quegli accorgimenti che consentono all’alunno di non svolgere alcune prestazioni che,risultano particolarmente difficoltose e che non migliorano l’apprendimento.

Tra le misure dispensative troviamo interrogazioni programmate, l’uso del vocabolario, ma ridotto o tempi più lunghi per le verifiche ecc.

Tutte gli strumenti compensative e le misure dispensative devono essere personali e individuali, non tutti gli strumenti e le misure compensative vanno bene per tutti!

 

Il PDP deve essere compilato dai docenti della classe dell’alunno, con la possibilità di avvalersi del supporto della famiglia. Per procede con la stesura del PDP è necessario essere in possesso di una certificazione pubblica, se la famiglia si trova in possesso di certificazione privata mentre vengono attesi i tempi per una certificazione pubblica deve essere redatto il PDP basandosi sulla diagnosi privata, come denotato dalla CM del MIUR n°8 del 6 marzo 2013.

 

In conclusione è fondamentale, attivare il PDP in tempi consoni e crearlo su misura per l’alunno in esame.

Vuoi contattare l’autore dell’articolo?

Ecco come fare, basta un click!

 

Dott. Andrea Brogi Logopedista

 

 

 

 

 

 

 

 


LOGOPEDIA Lascia un commento

Lascia una risposta