179926-400-629-1-100-stop_pedofilia

Abuso di bambini: in Europa il primato delle segnalazioni

Società Italiana Pediatria vicino alle famiglie per battere questa piaga sociale

<Fonte Ansa>

“La pedofilia è uno scempio, una vergogna per la nostra società e va combattuta con tutte le nostre forze. Noi pediatri dobbiamo essere sempre al fianco delle famiglie sia per prevenire che per affrontare una episodio legato ad una violenza”. Cosi’ Giuseppe Di Mauro, Presidente della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS), commentando il “Rapporto annuale 2014 – Pedofilia – Crimini contro l’infanzia”, di “Meter – dalla parte dei bambini – onlus”, di don Fortunato Di Noto Dal Rapporto emerge, tra l’altro, che in un anno sono state scoperte 574.116 immagini pedopornografiche con bambini da 3 a 13 anni, 95.882 video pedofili (3-13 anni) e 621 tra foto e video pedo con neonati. E ancora: con il 46,62% l’Europa detiene il triste primato delle segnalazioni, seguita da Africa (24,67%), America (16,98%), Asia (12,93%) e Oceania (1,8%). “Molte volte – spiega Leo Venturelli, pediatra di Famiglia Asl di Bergamo -l’abuso diretto è intrafamiliare, spesso maschile (partner della madre, zio). I segnali del bambino, per un genitore (in particolare per la madre) hanno spesso toni sfumati: vanno dall’uso del turpiloquio alla stanchezza strana e ingiustificata. Ma può anche verificarsi ritrosia a mostrare le zone genitali quando prima succedeva senza alcun problema. O, viceversa, il bimbo mostra ostentazione in atteggiamenti provocatori o allusivi a comportamenti sessuali imitativi”. Per le nuove generazioni uno dei pericoli è rappresentato da Internet. “Il discorso diretto al problema dei siti – aggiunge Venturelli – è quello di vigilare da parte dei genitori sull’uso dei network. Quindi, bisogna fare molta attenzione all’uso eccessivo della Rete o di cellulari collegati a wifi, soprattutto nelle ore serali-notturne, nella stanza del ragazzino o della ragazzina”.

All’interno del sito è disponibile un articolo dove la nostra Psicologa Roberta La Barbera consiglia ai genitori come spiegare ai propri figli l’esistenza della pedofilia.  Sono davvero tantissime le domande che giungono dai genitori una di queste è come si fa a parlare di pedofilia con i propri bambini? È una domanda che molti genitori, oggi più che mai, si pongono.

Se da un lato il timore è quello di spaventare i propri bambini, di allarmarli, di renderli sospettosi nei confronti degli altri, dall’altro, però, si fa avanti l’esigenza di proteggerli dal pericolo, dalla violenza, dagli abusi.

 

Ecco a voi il link utile dell’articolo, ti basta un click per leggerlo

318-41083

COME SPIEGO A MIO FIGLIO LA PEDOFILIA

 

 

Commenti


Notiziario